COVID-19 UPDATE: We are OPEN. We have implemented a number of changes to protect both our customers and colleagues. We now offer contactless delivery, and all are thoroughly sanitised before handover.

Come capire se mio figlio ГЁ gay: cosa fare

Come capire se mio figlio ГЁ gay: cosa fare

Per un genitore tendenzialmente puГІ essere difficile accettare anche che i figli abbiano una sessualitГ . Scoprire che il proprio figlio ГЁ gay puГІ essere veramente traumatico.

Purtroppo i condizionamenti sociali e religiosi possono generare senso di colpa, vergogna, rabbia, ma portano a sviluppare anche un forte senso di protezione, preoccupazione per il suo benessere.

Per molti, moltissimi genitori prima ancora che un problema di accettazione, avere un figlio gay è una questione di comprensione – è qualcosa di così lontano, strano, mai immaginato che proprio non ci si riesce a rapportare.

In una ricerca di Bertone e Franchi (The experiences of family members of gay and lesbian young people in Italy, 2008) si riporta che:

  • Il coming out avviene generalmente fra i 18 e i Cane sito di incontri 25 anni
  • Nel 64% dei casi il ragazzo si rivolge direttamente ai genitori affermando la propria omosessualitГ , in altri casi i genitori lo hanno scoperto da un’altra persona oppure in un altro modo (ad es. leggendo un diario personale)
  • Solitamente la madre ГЁ la figura centrale nelle storie raccontate dai ragazzi, infatti nella maggior parte dei casi ГЁ il primo membro della famiglia a (ri)conoscere l’affettivitГ  dei figli. Anche i fratelli giocano un ruolo molto importante: sono fra le prime 3 persone alle quali viene esplicitata la propria omosessualitГ .

Sempre la stessa ricerca fornisce un quadro delle reazioni che seguono il coming out del proprio figlio che puГІ essere utile a comprendere come viene affrontata la questione:

  • I genitori che hanno raccontato le loro reazioni iniziali, hanno riferito di un miscuglio di emozioni contraddittorie. Sullo sfondo ГЁ sempre emerso – comunque – un riferimento forte al legame di famiglia inscindibile e basato su amore e solidarietГ  infrangibili. Questo viene confermato dalle frasi che piГ№ spesso i genitori hanno pronunciato al momento del coming out: “L’importante ГЁ che tu sia felice” (88%) e “Mi dispiace che non ero lГ¬ per te quando avevi bisogno di me” (69%)
  • La maggior parte dei genitori ha raccontato nell’immediato, di aver provato imbarazzo, di aver pianto, di aver provato paura, di aver provato dolore. La metГ  delle madri ha dichiarato di essersi sentita fallita come genitore.
  • Il 54% dei padri e delle madri ha poi provato a mettere in discussione la dichiarazione del proprio figlio dicendo: “Sei ancora giovane, non puoi essere sicuro di essere omosessuale”, oppure “qualcuno ti ha portato fuori strada”.
  • Il 20% dei genitori si ГЁ dichiarato, invece, sollevato avendo finalmente compreso che la ragione dei disagi e dei silenzi non era qualcosa di grave (tipico il riferimento alla droga).
  • Poco frequenti, invece, reazioni di rigetto, rabbia o vergogna

Come capire se mio figlio ГЁ gay, i segnali

Normalmente la consapevolezza della propria omosessualità arriva con l’inizio dell’adolescenza. Certamente non è una cosa che compare all’improvviso in età adulta. Ci sono comportamenti che potrebbero essere letti come dei segnali. Ad esempio l’avere una spiccata sensibilità, il suo non essere esplicito su possibili fidanzate/fidanzati o il suo nascondersi, ma ovviamente non è possibile stilare un elenco dei comportamenti probabili. Un genitore è dotato dell’istinto necessario per capire se il figlio sta attraverso un periodo particolare e dovrebbe avere tutti gli strumenti per cercare di capirlo e aiutarlo.

Come comportarsi con un figlio gay

In questi giorni alcune affermazioni sulla possibilità di curare l’omosessualità da bambini con la psichiatria hanno suscitato non poche polemiche.

Imma Battaglia, esponente del movimento Lgbt in Italia in una recente intervista ha affermato che «è anacronistico ed è dimostrato dalla psichiatria internazionale che se un figlio è gay, è gay e basta, inutile affidarlo a una struttura che vuole indagare il suo comportamento».

L’omosessualità infatti non deve essere considerata come una malattia. «La cura, se interviene, non è certo per far cambiare orientamento sessuale, ma per far superare l’eventuale sofferenza psicologica indotta dalla possibile difficile accettazione della sessualità» spiega Bernardo Carpiniello, direttore della cattedra di Psichiatria all’Università di Cagliari e presidente della Società Italiana di Psichiatria. «Se una persona adulta viene da me e mi dice che ha bisogno della psicoterapia perché vuole curare la sua omosessualità, gli dico che non c’è terapia o farmaco che possa cambiare il suo orientamento sessuale. Se vien da me e mi dice che è depressa perché le succedono cose in rapporto alla sua omosessualità, io le dico che la posso aiutare per la sua depressione».

Si tratta di un tema estremamente delicato e molto spesso si attuano dei meccanismi di negazione come difesa rispetto al fatto che per alcuni è difficile accettare le conseguenze dell’essere etichettati come persone “diverse”.

Cosa dire a un figlio gay per non farlo soffrire

Ovviamente in questi casi la cosa migliore è quella di aiutare il proprio figlio nel limitare al massimo il disagio che può nascere nel ragazzo o nella ragazza da quello che viene vissuto come una colpa per la diversità presunta e che invece tale non è. Purtroppo l’omosessualità viene considerata ancora oggi da molti una malattia o un grave devianza di tipo sociale.

Il genitore deve prima di tutto essere convinto del fatto che non si tratta di una patologia, ma di una delle tante varianti della sessualità umana. Il figlio deve essere accettato come persona indipendentemente dal suo orientamento sessuale. È davvero molto importante dare il giusto supporto psicologico e affidarsi ad una psicoterapeuta solo nei casi di omosessualità vissuti con sofferenza psicologica che potrebbero portare a manifestazioni d’ansia e di depressione.

Un giovane non appena diventa consapevole della sua omosessualitГ  ha bisogno di sentirsi accettato e supportato soprattutto dalla sua famiglia. La sofferenza maggiore deriva infatti dalla mancata accettazione del proprio modo di essere, un forte conflitto rispetto alla propria identitГ , o per i vissuti di emarginazione e di discriminazione in base alla sessualitГ . La sofferenza di un bambino o di un adolescente puГІ essere enorme.

Di pochi giorni fa la notizia del bambino di nove anni che si ГЁ tolto la vita dopo essere stato bullizzato dai suo compagni per aver dichiarato di essere omosessuale.

Una delle prime cose da fare è far capire al proprio figlio quanto sei orgoglioso del fatto che abbia avuto sufficiente fiducia in te per dirtelo. Cerca di impostare un dialogo aperto in modo che possiate condividere pensieri, fare domande e affrontare le preoccupazioni. Ricordati che tuo figlio si sentirà probabilmente un po’ confuso e molto nervoso. Cerca di non giudicare e accusare, anche se l’argomento ti mette a disagio.

PerchГЁ mio figlio ГЁ gay?

L’origine e le cause dell’omosessualità, al momento, sono una questione molto dibattuta. Gli scienziati non hanno raggiunto un consenso sulla questione. La posizione prevalente tende a supporre un’influenza genetica combinata con fattori ormonali, sempre in fase pre-natale. In ogni caso, non è una condizione modificabile dall’esterno né dipendente dalle varie situazioni ambientali-culturali che può incontrare il bambino (per cui, no, non dipende dal fatto se ha due genitori dello stesso sesso).

Mio figlio ГЁ gay, cosa devo fare?

Renditi conto che tuo figlio sta attraversando difficoltГ  tremende. Prendere atto della propria omosessualitГ  e affrontare i pregiudizi possono essere due compiti molto complessi, soprattutto alle scuole superiori. Sii cosciente delle sofferenze che ha subito e sii orgoglioso della sua capacitГ  di riconoscere la realtГ .

Ascolta tuo figlio. Non ignorare nulla di ciò che ha da dire e soprattutto non cercare di cambiare l’orientamento sessuale di tuo figlio: non vi riuscirai. Accettalo per quello che è. È la migliore opzione sia per te sia per lui.

Ti possono interessare anche: